mercoledì 24 marzo 2021

Via Almese - degrado ambientale e decoro urbano.


Ad Aprile 2019, il Movimento 5 stelle portò all'attenzione dell'allora Assessore ai lavori pubblici un interrogazione in merito allo stato di degrado e di abbandono dell'area di Via Almese.

In quell'occasione ci fu risposto che <<...la situazione di degrado ambientale dell’area di Via Almese, in territorio comunale, fino al confine con Caselette è perfettamente nota dal 2015. Sono stati svolti sopralluoghi dalla polizia comunale che hanno coinvolto anche la Procura della Repubblica. Si tratta di un’area privata per cui l’Amministrazione comunale non ha diretta competenza. Gli uffici comunali hanno provveduto ad inoltrare agli organi competenti lo storico per risalire al proprietario dell’area; al momento gli interlocutori sono la Procura della Repubblica, la Città Metropolitana ed il curatore fallimentare, quest’ultimo preposto a seguito chiusura dell’attività che prima operava in loco. Il Comune ad ogni modo provvederà a sensibilizzare i suddetti organi per una più sollecita definizione del caso ed alla rimozione di quei rifiuti che non rientrano in zone private ma che riversano su suolo pubblico. La polizia municipale monitorerà con maggiore attenzione la zona svolgendo controlli a sorpresa al fine di sorprende gli incivili durante l’abbandono di rifiuti >>.

Per tali ragioni fummo parzialmente soddisfatti della risposta.

http://www.alpignano5stelle.it/2019/05/consiglio-comunale-del-30-aprile-2019.html?m=1

Oggi, dalla pagina ufficiale Facebook del Comune di Alpignano

( https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=167130748574704&id=102365745051205) apprendiamo che, il Sindaco Palmieri, attraverso un'ordinanza firmata e notificata al curatore fallimentare della società proprietaria dell'area, attiva le seguenti disposizioni:

- rimozione e smaltimento di rifiuti speciali/pericolosi depositati e abbandonati sul fondo nonché la bonifica e rimozione del serbatoio;
- recinzione dell'area in proprietà e dei fabbricati presenti per impedirne l'accesso;
- relazione sul completamento delle operazioni e invio dei documenti che comprovino la bonifica completa dell'area.

Fiduciosi che, quanto sopra, non si fermi ad un semplice comunicato, vigileremo sull'esecuzione dei lavori e saremo pronti a sollecitare l'Amministrazione nel caso questi non venissero eseguiti.

Nel mentre, dalla nostra interrogazione, sono passati quasi due anni...DUE ANNI.

Speriamo non dover tornare sull'argomento tra altri due...




Nessun commento:

Posta un commento