venerdì 17 agosto 2018

Qualche informazione sullo Stato di sicurezza dei Ponti Alpignanesi

Oggi abbiamo protocollato questa richiesta al Sindaco del nostro Comune.
Stato di sicurezza dei Ponti Alpignanesi

I recenti fatti di Genova in merito al crollo del “Ponte Morandi”, hanno scosso l’opinione pubblica sulla sicurezza di ponti e viadotti.
Molti cittadini Alpignanesi ci domandano in quale stato versino i due principali Ponti Alpignanesi.
Ci troviamo dunque nella difficile condizione di dover rispondere pur non essendo noi né ingegneri né architetti, ma politici alla prima esperienza; abbiamo quindi messo insieme informazioni, basando le nostre risposte su documentazioni raccolte durante la nostra attività politica.
Riportiamo quelle di nostra conoscenza:

Ponte vecchio
Il Ponte Vecchio è un ponte romano ad archi.
Nel passato, proprio per la sua strategica posizione, fu spesso al centro di eventi bellici.
Nel 1960 fu chiuso al traffico per un ampliamento della carreggiata.
Nel settembre del 2016, la Città Metropolitana di Torino, procedeva a lavori urgenti di risanamento e di messa in sicurezza dello stesso.
Sappiamo inoltre che, già nel 2016, c'era la volontà da parte della CM di Torino di dismettere il Ponte Vecchio, passando l'onere delle manutenzioni al Comune di Alpignano.
Ad oggi non abbiamo documentazione del passaggio.
Documentazione della Città Metropolitana sulla manutenzione del Ponte.

Ponte Vecchio - Ponte Romano ad archi
Ponte NuovoNel 1936 venne inaugurato il Ponte Nuovo, struttura concepita ad un'arcata singola in cemento armato.
Le notizie più recenti di manutenzione del ponte, sono di un alleggerimento dello strato di asfalto e di piccole manutenzioni alle balaustre, ma di questo non abbiamo documentazione.

Ponte Nuovo - Ponte ad arcata singola
Siamo certi che i Ponti Alpignanesi siano monitorati sia dai tecnici del Comune di Alpignano che da quelli della Città Metropolitana, allo stesso tempo conosciamo le difficoltà di quest’ultima a garantire fondi per la loro manutenzione.

Di recente abbiamo visto il Consigliere Metropolitano nonché Sindaco di Pianezza, Dott. Antonio Castello, interessarsi alla messa in sicurezza del "Ponte Nuovo", riguardo la questione “suicidi”, facendosi portavoce in CM di una problematica riguardante il nostro Comune e che per questo ringraziamo.
Ricordiamo anche che, come M5S, abbiamo in Consiglio Metropolitano il Sindaco, il Vice-Sindaco e 6 Consiglieri Metropolitani, non uno ma bensì 8 componenti del Consiglio della Città Metropolitana, pronti a interessarsi alle istanze del nostro Comune.
Tornando alla questione in oggetto, tutte le città Metropolitane denunciano mancanza di fondi per la manutenzione di strade, ponti ed edifici di loro competenza. Il Nuovo Governo, dal canto suo, lavora per sbloccare fondi e trovare soluzioni utili per sostenere queste problematiche.

Da qui la Nostra richiesta, al Sindaco e alla Giunta, di informare e tranquillizzare i cittadini,  comunicando loro, lo stato attuale dei nostri ponti ed eventuali criticità già segnalate in Città Metropolitana, attraverso il sito del nostro Comune.

Nessun commento:

Posta un commento