giovedì 2 novembre 2017

Chi si loda si imbroda


In questi giorni i social Alpignanesi e in particolare il gruppo Facebook "Alpignanesi Attivi" sono prosperi di post dedicati all'amministrazione attuale, con l’obbiettivo unico di screditare il lavoro che Sindaco e Giunta stanno portando avanti da circa un anno e mezzo.

Non vogliamo entrare nel merito delle polemiche, ma in uno di questi post siamo stati chiamati in causa proprio dal Sindaco Andrea Oliva. 
Ecco il link del post:
Chi ha colpa del suo male pianga se stesso


Premesso che come attivisti del M5S Alpignano non partecipiamo alle discussioni dei post che hanno come oggetto la vita politica di questo Comune, in quanto le nostre “battaglie” preferiamo svolgerle in consiglio comunale con i nostri consiglieri che rappresentano il Movimento a livello istituzionale; tutti i “simpatizzanti”, che al contrario intervengono nelle discussioni, lo fanno a titolo personale.

Detto questo, quello che più ci ha colpito sono i toni che certune discussioni assumono strada facendo.


Al di là del linguaggio “colorito” utilizzato nei vari post, in particolare quelli che riguardano la gestione comunale, pur da noi non condiviso, capiamo che la “delusione” di alcune scelte oggettive che questa amministrazione ha portato avanti in questi mesi, come l’aumento della Tari, la riduzione del contributo comunale alle famiglie dell’asilo nido "Don Minzoni" e la mancata riapertura della scuola "Gramsci", possono diventare il fattore scatenante che porta ad alzare i toni delle conversazioni da parte di alcuni cittadini.

Quello che non condividiamo e assolutamente non possiamo giustificare è quando una figura istituzionale come quella del Sindaco, che dovrebbe mantenere un comportamento sempre consono al ruolo che ricopre, si permette di sbeffeggiare cittadini la cui “colpa” è quella di non condividere la linea politica assunta dalla sua Giunta e che, anzi, persevera nella convinzione che sia cosa buona e giusta “abbassarsi” allo stesso livello di chi lo attacca.

Questa convinzione non aiuta a migliorare il già difficile rapporto che i cittadini hanno nei confronti delle istituzioni.

In realtà pensiamo che la sua sia più una debolezza, una difficoltà ad accettare le critiche e a confrontarsi con la "gente comune".

Comprendiamo non sia facile leggere commenti anche “pesanti” che mettono in dubbio le reali capacità amministrative, ma reagire mettendosi sullo stesso piano di chi pensa che il Sindaco abbia sempre una soluzione ad ogni problema, non è certo sinonimo di serietà.

Amministrare è dura, lo sappiamo bene noi del Movimento che subiamo ogni giorno attacchi ignobili da destra e sinistra, ossia dagli stessi che hanno lasciato città come Roma e Torino con buchi di bilancio gravissimi e che ora pretendono la risoluzione dei problemi da loro generati.

Noi non arriviamo da Marte e nemmeno pretendiamo di andarci, però consigliamo al Sindaco e alla sua Giunta di amministrare serenamente Alpignano. Dimostrate con i fatti il valore delle vostre scelte e se proprio volete utilizzare i “social” (magari con una pagina dedicata al confronto con i cittadini), fatelo cercando d'essere meno presuntuosi! 
Accettate le critiche e andate avanti per la vostra strada.



“Più piccola è la mente più grande è la presunzione. 
(Cit. Esopo)                            

Nessun commento:

Posta un commento