lunedì 3 aprile 2017

Consiglio Comunale del 31 Marzo 2017 - Risposte alle nostre Interrogazioni


  •     Prima interrogazione del Movimento 5 Stelle:
Intenzioni sul Castello Alpignano

Il Consigliere Cosimo Di Maggio espone l'interrogazione:

In Alpignano è presente la struttura del Castello, di proprietà dell'Ordine dei Missionari della Consolata, ormai in disuso e in fase di decadenza. Per la bellezza del luogo e dell'esposizione, valutando progetti culturali,  didattici e di integrazione, il suddetto plesso potrebbe divenire un centro di attrazione per il paese.

Si interroga pertanto il Sindaco e la Giunta, quali siano le loro intenzioni in merito alla struttura del Castello e se ci sia l'intenzione di portare avanti progetti anche tramite enti esterni.

Risponde all'interrogazione il Sindaco Andrea Oliva:

La prima delibera risale al 2002 ed in 15 anni sono cambiate molte cose, sia da parte
dell'amministrazione comunale sia da parte dei Missionari della Consolata. Noi stiamo valutando cosa comporterebbe l'acquisizione della struttura, abbiamo già fatto degli incontri preliminari e ad aprile ci sarà un importante incontro con i vertici dei missionari dove speriamo di fare dei passi avanti.


Riprende la parola il consigliere Cosimo Di Maggio:

Non avendo ricevuto risposte chiare, ma un "valuteremo", attendiamo certezze.

Il consigliere Cosimo Di Maggio si dichiara non soddisfatto della risposta ricevuta


  •       Seconda interrogazione del Movimento 5 Stelle:
Intenzione sull’Asilo Nido Don Minzoni

Il Consigliere Cosimo Di Maggio espone l'interrogazione:

Data l'attuale situazione, l'amministrazione intende diminuire il contributo comunale alle famiglie per il pagamento delle rette dell'asilo Don Minzoni. I bambini che usufruiscono, ad oggi, del servizio di asilo nido sono 38.

Si interroga pertanto il Sindaco e la Giunta, quali siano le scelte che prenderanno in merito all'asilo Don Minzoni, se ci sarà ancora la possibilità per i genitori con maggiori difficoltà economiche di usufruire del servizio nido e quale alternativa proponete.

Risponde l'Assessore Gianni Brignolo:

L'asilo Don Minzoni non chiuderà né verrà privatizzato, i muri sono di proprietà del comune. Stiamo solo facendo un nuovo bando di assegnazione perché quello attuale è in scadenza.
Proporremo un bando in cui tutte le spese della struttura e della gestione sono a carico del comune in modo che la cooperativa che gestirà il nido possa avere delle rette più basse. Attualmente il comune spende 130.000 euro all'anno e questa ci sembra una spesa eccessiva per soli 38 bambini. Ci saranno comunque dei contributi economici per le famiglie più disagiate. Stiamo inoltre valutando la possibilità di asili nido in famiglia e di classi primavera.

Riprende la parola il consigliere Cosimo Di Maggio:

Non ho ricevuto risposte certe, non si può tagliare un contributo di 130.000 euro per il nido, e spiegare il perchè in consiglio comunale, bisognava prima spiegarlo alle famiglie. Occorre garantire alle famiglie un contributo, in particolar modo a quelle con le fasce ISEE più basse, da permettere ai propri figli di frequentare il nido. Noi suggeriamo all'amministrazione di ripristinare un contributo per gli iscritti al nido e di confrontarsi con i genitori dei bimbi per spiegare il cambiamento.

Il consigliere Cosimo Di Maggio si dichiara non soddisfatto della risposta ricevuta

  •       Terza interrogazione del Movimento 5 Stelle:

Il Consigliere Cosimo Di Maggio espone l'interrogazione:

La riapertura della scuola Gramsci è un valore aggiunto per Alpignano e i suoi abitanti. Avete fatto la scelta politica di ristrutturare la scuola invece di puntare ad una nuova costruzione, al passo con i tempi e con le nuove tecnologie. Noi non ci opponiamo a questa scelta, purché l'obbiettivo principale sia la salute ed il benessere dei cittadini. Da quanto si evince dalle dichiarazioni dell'amministrazione, rilasciate su più quotidiani locali, l'intenzione non è quella di bonificare totalmente la scuola, perché sovradimensionata rispetto alle attuali esigenze, ma solo la parte che ospiterà circa 200 bambini.

Si interroga pertanto il Sindaco e la Giunta, se già nella prima parte dei lavori verrà rimosso totalmente l'amianto presente in tutta la scuola. Se le classi rientreranno nell'edificio a lavori ultimati o già in seguito alla ristrutturazione della prima parte senza attendere "l'ultimazione del secondo lotto di interventi".

Risponde l'Assessore Maurizio Morra di Cella:

Una nuova scuola sarebbe piaciuta a tutti ma non abbiamo i fondi; abbiamo chiesto i soldi in regione e in tutte le sedi possibili ma non abbiamo ricevuto nessuna certezza quindi abbiamo deciso di andare avanti con le nostre forze, se poi riceveremo qualcosa non faremo il secondo mutuo nel 2018. Il problema è urgente e già da quest'anno iniziamo a lavorare per sistemare la scuola. Io mi adopererò perché la bonifica dall'amianto sia effettuata tutta e subito ma questa scelta dipende dai progettisti. Certamente i bambini inizieranno a frequentare la scuola in condizioni di sicurezza.

Riprende la parola il consigliere Cosimo Di Maggio:

Per noi è primario che nel primo step di lavori, si bonifichi tutto l'amianto presente nella struttura, per un fattore di salute di sicurezza, anche economico. Attendiamo di visionare il progetto definitivo dei lavori, per poter capire se effettivamente ci sarà una bonifica totale dell'amianto, nel primo step di lavori.

Il consigliere Cosimo Di Maggio si dichiara parzialmente soddisfatto della risposta ricevuta
  •      Quarta interrogazione del Movimento 5 Stelle:
Situazione strade del Comune di Alpignano

La Consigliera Antonia Bagnato espone l'interrogazione:

Sono giunte da parte dei cittadini delle segnalazioni riguardanti le buche nelle strade, le quali possono creare danni a pedoni e veicoli. Tali denunce vengono segnalate in varie parti della città. Nel Programma triennale dei lavori pubblici per gli anni 2017-2018-2019, i lavori di manutenzione straordinaria e di rifacimento dei pavimenti stradali per importi superiori ai 100 mila euro, sono previsti soltanto per l'anno 2019, per un importo totale previsto di 190 mila euro.

Si interroga pertanto il Sindaco e la Giunta, se hanno programmato interventi al di sotto dei 100 mila euro, al fine di ripristinare le condizioni di sicurezza delle strade della città, evitando che ulteriori inverni possano provocare un peggioramento del manto stradale.


Risponde l'Assessore Maurizio Morra di Cella:

Nel 2019 verranno fatti dei lavori più significativi, ma nel frattempo si procederà con una serie di piccoli interventi di manutenzione stradale, man mano che si riuscirà a trovare i fondi.

La consigliera Antonia Bagnato si dichiara soddisfatta della risposta ricevuta


  •      Quinta interrogazione del Movimento 5 Stelle:
Interventi di rimozione e smaltimento degli edifici contenenti amianto di proprietà Comunale.

Il  Consigliere Cosimo Di Maggio espone l'interrogazione:

La salute e la sicurezza dei cittadini deve essere sempre l'obbiettivo primario per ogni Amministrazione, e questo passa anche attraverso interventi di bonifica totale degli edifici contenenti amianto di proprietà Comunale. Ci sono edifici di competenza comunale, ad esempio l'ex Borello e l'ex scuola Turati, in completo stato di abbandono, senza dimenticare la scuola Gramsci, ormai chiusa da circa 2 anni. 

Si interroga pertanto il Sindaco e la Giunta, affinché illustrino le azioni che intendono intraprendere per affrontare questa problematica ambientale nel nostro comune.


Risponde l'Assessore Maurizio Morra di Cella:

Sull'area della ex-Borello stiamo seriamente lavorando per procedere al più presto allo smantellamento dell'edificio e al riutilizzo dell'area in cui sorge. Per la ex-Turati dobbiamo attendere l'approvazione del piano regolatore che permetterà di definire la destinazione d'uso dell'edificio.


Riprende la parola il consigliere Cosimo Di Maggio:

Auspichiamo che venga intrapreso un percorso, che porti finalmente alla bonifica dall'amianto, di tutti gli edifici di proprietà comunale.

Il consigliere Cosimo Di Maggio si dichiara soddisfatto della risposta ricevuta


E' stata approvata la nostra Mozione sulla "Convenzione con Guardie Ecologiche Volontarie", integrando un emendamento presentato dalla maggioranza, dove si lascia aperta la possibilità di poter sottoscrive la convenzione, anche con un corpo volontario equivalente.



    Nessun commento:

    Posta un commento