mercoledì 30 dicembre 2015

Un 2015 in MoVimento!



Anche quest’anno sta volgendo al termine.
E’ stato un anno ricco di soddisfazioni, insidie e duro lavoro.
Dai banchetti al freddo, le raccolte firme, le manifestazioni, i consigli comunali, le riunioni settimanali…sempre tra la gente. 

Il 2014 si era chiuso con la delibera del consiglio comunale da noi promossa tramite raccolta firme, che prevede operazioni mirate alla verifica della situazione dell'inquinamento nelle falde acquifere site sotto l'area ex Borgo (Federal Mogul). Un primo passo significativo verso una possibile soluzione del grave problema ambientale, che stiamo ancora oggi seguendo da vicino in collaborazione con amministrazione e regione. Leggi il post

I primi giorni del 2015 ci siamo trovati a discutere di edilizia scolastica: prima come Genitori e poi come Cittadini abbiamo fatto un video riepilogativo della situazione delle scuole di Alpignano, dal Nido Don Minzoni alla Secondaria Tallone. Ne è venuto fuori un quadro abbastanza critico, la scuola Primaria Gramsci e la scuola materna Rodari hanno un problema di Amianto, esattamente nelle pareti divisorie e di tamponamento (richiesta di spiegazioni datata 8 luglio 2014). Era solo il primo atto di una lunga serie. Leggi il post

A Marzo abbiamo scritto ai membri del consiglio comunale per chiedere una presa di posizione consiliare contro la revoca a Pino Masciari (tra l’altro cittadino onorario alpignanese) di tutte le forme di protezione, compresa la scorta. Sarebbe stato un’occasione per raccontare la coraggiosa storia di un imprenditore calabrese che grazie al suo coraggio ha scoperchiato il calderone di soprusi e minacce  che vivono quotidianamente gli imprenditori calabresi (anche in Piemonte). Nessuna risposta. Peccato, non bisognerebbe perdere occasione per rimarcare la lotta alle mafie. Leggi il post

Ad Aprile ci siamo trovati a fingerci amministratori. L’8 aprile 2015, dopo aver segnalato e denunciato all'amministrazione il cattivo stato di manutenzione dei giochi nei parchi pubblici alpignanesi e dopo l’annuncio del nostro Sindaco social su Facebook riguardo la sostituzione della struttura gioco di Piazza Caduti per il cedimento di una passerella (alla modica cifra di 25000 euro!!!), ci siamo attivati contattando la ditta (LAPPSET) che ha fabbricato la struttura gioco. Dopo aver comunicato i codici della struttura abbiamo semplicemente chiesto se fosse possibile riparare la passerella e ottenere le garanzie di sicurezza. L’ufficio preposto ci ha spiegato che i ricambi per queste strutture sono reperibili e fornibili fino a 10 anni dall'uscita di produzione del gioco stesso e che ovviamente la riparazione è garantita e sarebbero stati mantenuti tutti gli standard di sicurezza con certificazione da parte della ditta.
Dopo averlo segnalato agli amministratori, siamo stati ricontattati dal referente di zona dell’azienda fornitrice del gioco in questione che ci ha comunicato che è stato contattato da una ditta incaricata dal comune per la riparazione, con un gran risparmio per le casse comunali! Leggi il post

Il 24 Aprile nella serata NO TAV di Givoletto, abbiamo espresso la nostra contrarietà alla Grande Opera Inutile e abbiamo dichiarato le intenzioni del gruppo M5S Alpignano nel lavorare per poter portare il Comune di Alpignano fuori dall'Osservatorio della Torino-Lione in modo da non essere più complici di questo sperpero di denaro pubblico. Leggi il post

Abbiamo posto la prima pietra per una proficua collaborazione con gli attuali amministratori per l’uscita dall’Osservatorio Tecnico della Linea Alta Velocità Torino-Lione del comune di Alpignano.

Il giorno 6 di Maggio abbiamo partecipato alla serata "Acqua Pubblica" organizzata dal gruppo M5S di Caselette e da Paola Ceretto del Comitato Acqua Pubblica di Torino: la serata poneva come tema centrale l’illegittimità dei "Conguagli SMAT" sulle bollette dell'acqua. Leggi il Post

L’8 Maggio abbiamo appoggiato la serata teatrale informativa organizzata dal comitato No Tav “La Gronda” per raccogliere fondi da destinare alla Cassa di Resistenza NO TAV.
Qualche giorno più tardi, con lettera aperta al Comune denominata “Fondi a favore di investimenti a difesa del territorio", abbiamo chiesto all’amministrazione di mandare un segnale forte al governo centrale e chiedendo di bloccare immediatamente i lavori sulle grandi opere e di destinare tutti i fondi della TAV a l'unica grande opera utile "il nostro territorio"!

Il giorno 15 di Maggio abbiamo contestato aspramente la decisione dell’amministrazione di destinare solo 7240 euro all’iniziativa sui voucher comunali per dare piccole opportunità di lavoro ai disoccupati Alpignanesi. Ci è sembrato inverosimile che degli amministratori (di sinistra!!!) fossero pronti a trovare 25.000 euro (fuori bilancio) per l'acquisto di una nuova struttura gioco in Piazza Caduti, mentre per i Voucher i fondi comunali non permisero ulteriori sforzi! Leggi il post

A Giugno, a seguito della sentenza della corte costituzionale 70/2015 che annullava di fatto gli effetti del Decreto Monti sulla rivalutazione delle pensioni, è partita la Campagna di Giustizia Sociale con tutta l’informativa riguardo la compilazione e l’invio della domanda on line per la ricostruzione della pensione presso l’INPS. Leggi il Post

Capitolo scuola Gramsci: a seguito della chiusura del plesso, prima per razionalizzazione dei plessi (da PRGC) poi per problematiche legate alla presenza di amianto (per mano del Sindaco) e dopo aver contestato il mancato ottenimento di fondi per l’edilizia scolastica (Scuole Nuove, Scuole Sicure, Scuole Belle) e grazie alla mobilitazione di tanti genitori che “ci hanno voluto veder chiaro”, ci siamo attivati per trovare e proporre una soluzione. Abbiamo consultato tecnici ambientali e ingegneri strutturali per farci un’idea della situazione. D’altra parte l’impossibilità di accedere in breve tempo agli atti e le risposte incoerenti degli amministratori hanno di fatto reso il tutto molto più difficile.

Luglio: mentre nelle casse comunali dei comuni limitrofi arrivano una pioggia di soldi per gli interventi di edilizia scolastica (vedi Caselette 731.000) Alpignano rimane a bocca asciutta. Abbiamo anche incontrato l’amministrazione per discuterne ponendo le seguenti riflessioni: se la scuola rimarrà chiusa,  si presenti un progetto preliminare il prima possibile per esser pronti a partecipare a bandi specifici per l’edilizia scolastica e visto il disagio creato, richiesto delle compensazione "umane”, rimarcando che se la scuola non ha nessun problema deve riaprire. Siamo infatti d’accordo sul tenere chiusi quegli edifici che non garantiscono la sicurezza degli utenti (scuole in primis) ma ad oggi non vi è un solo documento che ne attesti l’inagibilità. Nel frattempo i bambini iscritti alle Gramsci vengono a detta del Sindaco Da Ronco “spalmati” nelle altre due scuole primarie Alpignanesi. Leggi il Post

Con lettera protocollata e comunicato stampa del 24 luglio 2015 il Portavoce Parlamentare Piemontese del M5S Ivan Della Valle porta a livello nazionale la questione edilizia scolastica alpignanese, chiedendo risposte e l’opportunità di ispezionare i plessi prima dell’inizio dell’anno scolastico. Leggi il Post

16 Luglio 2015: A tarda notte il consiglio comunale di Alpignano ha deliberato la mozione proposta e spinta dal Movimento 5 Stelle in collaborazione con l’amministrazione e col movimento No Tav, che prevede l’uscita del Comune di Alpignano dall’Osservatorio Tecnico sul Tav Torino-Lione: i punti salienti della mozione prevedono, oltre all’uscita dal tavolo di lavoro, il ritiro, da parte del comune di Alpignano, del mandato di rappresentanza ai tecnici dell’adduzione Ovest, il sostegno ai movimenti popolari avversi al progetto e il rifiuto netto del principio della compensazione per la realizzazione di quegli interventi comunque necessari a garantire la sicurezza dei cittadini e che sono indispensabili a prescindere dalla realizzazione dell’opera. Un grande risultato per Alpignano ed un segnale forte per il governo centrale ed i comuni limitrofi. Leggi il Post

Agosto: il nostro impegno non va in vacanza…a seguito di un esposto in Procura promosso da alcuni genitori, c’è stata un’ispezione dello SPreSAL per portare alla luce il reale stato dell’arte sugli edifici che ospitano i nostri bambini. Sono arrivate quindi delle richieste (anzi obblighi), dei lavori da eseguire, senza i quali non si potrà varcare la soglia di quei cancelli. I lavori richiesti prevedono: la posa di rete anticaduta materiali e la verifica della tenuta dei solai e dei pendini dei controsoffitti della scuola Matteotti, la manutenzione delle attrezzatura delle palestre Matteotti, Gramsci e Turati e la sostituzione dei vetri esistenti con vetri stratificati. Monitoriamo quindi la situazione dei lavori di adeguamento e prepariamo l’ispezione parlamentare. Leggi il Post

Il 10 di Settembre ha luogo la visita ispettiva parlamentare richiesta dal MoVimento 5 Stelle: ci è stata data la possibilità, attraverso il nostro deputato Ivan della Valle, il consigliere regionale Francesca Frediani e al consigliere metropolitano Dimitri De Vita, di visionare da vicino le tre scuole primarie Alpignanesi. Ci è stato ribadito un concetto: il problema della chiusura Gramsci non è legato ai problemi di dispersione di fibra d’amianto, ma bensi' ai lavori di manutenzione che non sono mai stati eseguiti o programmati prima e che andando a maneggiare pareti in cemento amianto hanno costi esorbitanti. Salutiamo l’incontro con una promessa: disponibilità alla ricerca dei fondi per una scuola nuova a patto che venga fatto presto un progetto preliminare e che il sito della nuova scuola sia l’attuale sito Gramsci (il piano regolatore prevede infatti la costruzione di case…). Leggi il Post

Lunedì 12 Ottobre 2015 abbiamo protocollato in comune una richiesta di chiarimenti sui lavori in esecuzione nelle scuole primarie Alpignanesi, per tenere attivi i nostri amministratori, non vorremmo mai,  visto che la scuola è iniziata da qualche settimana, si dimentichino per qualche motivo di aggiornare i cittadini, ma sopratutto vogliamo far sapere loro che i cittadini sono sempre molto attenti alla questione "Chiusura scuola Gramsci". Leggi il Post

Lunedì 19 Ottobre abbiamo avuto un incontro in comune con il Geom. Vincenzo Locuratolo sollevando perplessità riguardo la delibera che dava il via al taglio di alberi in via Caduti per la Libertà (fronte scuola primaria Matteotti): abbiamo esposto il nostro punto di vista. Riteniamo infatti che non fosse necessario tagliarli tutti (o quasi) e che li stessi, in quel contesto, siano di fondamentale importanza, soprattutto per i bambini che durante gli orari di ingresso ed uscita da scuola sono costretti a respirare gas di scarico. Siamo felici che ad oggi si siano preservati tanti alberi, optando solo per la risistemazione del marciapiede “rovinato” dalle radiciLeggi il Post

A Novembre abbiamo promosso la raccolta firme inerente la proposta di legge regionale riguardo la possibilità che Regione Piemonte reintroduca il pagamento del bollo per le auto ecologiche. È assurdo che un governatore attanagliato dal problema inquinamento in una città come Torino pensi a tassare chi per senso di responsabilità e volontà civica inquina meno!

Giovedì 12 Novembre 2015: corteo organizzato dai lavoratori Dr. Fischer, piena solidarietà e massima disponibiltà laddove la politica può mediare tra realtà industriali in fuga e lavoratori e può proporre idee per un domani industriale su territorio comunale.

Il 25 Novembre 2015 abbiamo protocollato in comune una lettera illustrando la possibilità di avere l’intera parte progettuale (dallo studio di fattibilità al progetto definitivo) sia per quanto riguarda la ristrutturazione che per quanto riguarda una scuola nuova curata dalla “Città Metropolitana per mezzo del Servizio Infrastrutture e Assistenza tecnica enti locali. Quindi l’intero iter progettuale è a carico della Città Metropolitana, non si va ad intaccare le casse comunali con consulenze, tanto meno le tasche dei cittadini. L’indomani durante il consiglio comunale apprendiamo che quella stessa mattinata (26/11/2015) sono stati presi contatti con Città Metropolitana per l’avvio dell’iter progettuale riguardante una scuola primaria e materna dove oggi c’è la scuola Gramsci. Ci auguriamo non aspettino altri “suggerimenti” in caso contrario si facciano da parte. Leggi il post

Parte l’attività di servizi al cittadino “sportello equitalia”: una nostra collaboratrice mette a disposizione dei cittadini le sue competenze con un supporto di orientamento riguardo le cartelle Equitalia ed Agenzia delle Entrate.

Dicembre: è il mese dell’approvazione del piano regolatore e della sospensione del servizio videoriprese. Grazie alla collaborazione col quotidiano on line Val Susa Notizie e con gli organi di rappresentanza comunale, un nostro attivista viene delegato alla video ripresa del consiglio comunale che a breve sarà caricato on line e reso disponibile alla cittadinanza.

Abbiamo partecipato con tanto entusiasmo alla marcia No Tav da "Susa a Venaus": un’esperienza unica.

Si sta quindi per chiudere anche quest’anno, un anno che ha visto il gruppo crescere come non mai. 
Molte persone contestano il fatto che gli attivisti e i portavoce del M5S siano SEMPRE quelli che dicono che va tutto male e che non c'è nulla che funziona. Spero che dopo questa lettura qualcuno si ricreda.
D’altra parte come possiamo dire che tutto va bene quando sotto i nostri occhi stanno consumando la nostra cittadina? Dal 1990 ci sono li sedute sempre le stesse persone, le stesse che hanno costruito Movicentro, Palazzetto dello Sport, mal gestito la piscina, chiuso il passaggio a Livello, privatizzato l'asilo nido Don Minzoni, chiuso la scuola Gramsci. Le stesse che hanno taciuto ed ingrassato i bilanci Cidiu e Smat facendo lievitare verso l'alto le tariffe e di conseguenza le nostre bollette dei rifiuti e dell'acqua. Le stesse che hanno azzoppato le attività commerciali Alpignanesi e che hanno fatto scappare le piccole fabbriche, fiore all’occhiello dalla nostra città.   Le stesse che non hanno mai realizzato un progetto sociale per aiutare tutte le persone che ora sono in difficoltà per questa crisi che oramai ci attanaglia. Le stesse che vantano di essersi abbassate le indennità ma che non hanno svolto a pieno il ruolo che noi cittadini abbiamo affidato loro attraverso il voto. Le stesse che hanno e che lasceranno, le casse comunali completamente all’asciutto per pagare mutui e anticipi di cassa per costruire cattedrali nel deserto o per sopraelevare il nostro comune.

Siamo stati propositivi e disponibili  a 360° nei confronti di chi amministra, ma raramente ci è stata data udienza e nel nostro piccolo e non avendo rappresentanti in consiglio comunale qualche bel risultato lo abbiamo portato a casa. Questa è Alpignano oggi, questo sarà anche domani se non decidiamo in primis di partecipare attivamente alle scelte che impattano sul nostro vivere quotidiano; questa storia non ci vedrà come spettatori o semplici comparse ma, con l’aiuto di tutti…protagonisti

A riveder le stelle…nel 2016!
Buon Feste
.
MoVimento 5 Stelle Alpignano

Nessun commento:

Posta un commento