mercoledì 25 novembre 2015

PROGETTO PER LA GRAMSCI - VOLONTA’ CIVICA PER LA SCUOLA

!!!GRAMSCI!!!
IL PROGETTO… CI VUOLE IL PROGETTO…

Prima di ogni cosa ci vuole un PROGETTO….
Per tentare di accedere a qualche forma di contributo, mutuo o finanziamento, ci vuole un PROGETTO
ma quale PROGETTO?

         A. Per una scuola NUOVA?
         B. Per la ristrutturazione e bonifica di quella esistente?

SERVE SEMPRE E SOLO UN PROGETTO….

Per questo motivo ci siamo informati, tramite i nostri contatti in Città Metropolitana e in Regione, su quali opportunità ci potevano essere e…strano ma vero, il Comune ha la possibilità di farsi fare il PROGETTO direttamente dalla Città Metropolitana a COSTO ZERO per le casse Comunali e soprattutto per
LE TASCHE DEI CITTADINI

Ecco la Nostra proposta protocollata in Comune con allegati alcuni esempi di Comuni che HANNO FATTO….

Protocollata il 25/11/2015 al n. 30487

Buongiorno Signor Sindaco,

le scriviamo per parlarle della spinosa questione riguardante la chiusura della scuola Gramsci.
Da parte nostra c’è sempre stata la volontà di trovare una soluzione fattibile, in ragione del fatto che un’area così popolosa merita una Scuola Primaria.
Sorvolando le polemiche, che ancora oggi vedono molte zone d’ombra su questa scelta, ci  permettiamo, in ottica di una proposta partecipata, di sottoporle una opportunità a nostro giudizio da cogliere, perchè il primo passo per ottenere dei Fondi è avere un Progetto:

La Giunta quale strada vuole percorrere?

Ristrutturare la Gramsci?
Se la risposta è SI, è stato fatto un capitolato dettagliato con costi e tempistiche dei lavori da fare?

La costruzione di una nuova Gramsci?
Se invece la strada è questa, è stato fatto un progetto?

Ecco le nostre idee:

la possibilità di avere l’intera parte progettuale (dallo studio di fattibilità al progetto definitivo) sia per quanto riguarda la ristrutturazione che per quanto riguarda una scuola nuova curata dalla “Città Metropolitana” (STATUTO METROPOLITANO art. 33 punti 1-2-6 e art. 34 punto1 a,b)  per mezzo del Servizio Infrastrutture e Assistenza tecnica enti locali.
Quindi l’intero iter progettuale è a carico della Città Metropolitana, non si va ad intaccare le casse comunali con consulenze, tanto meno le tasche dei cittadini.
RICORDIAMO CHE QUESTO E’ FONDAMENTALE PER REPERIRE I FONDI.


Il Servizio Infrastrutture e Assistenza tecnica enti locali nello specifico:
provvede, su richiesta e per conto degli enti locali, alla progettazione e/o all'esecuzione di opere pubbliche, sia direttamente sia fornendo consulenza e assistenza.
fornisce consulenza e pareri agli enti locali in materia di normativa, di tecnica e di gestione di procedure informatiche relativamente alle opere pubbliche.
Gestisce inoltre, nell’ambito della specifica programmazione triennale e annuale dell’ente, l’intero iter delle opere pubbliche previste in accordi di programma o convenzioni con altri enti.
Svolge attività di pianificazione, progettazione ed esecuzione di Infrastrutture o di nuovi interventi di viabilità maggiore che vengono realizzati in tutto il territorio di competenza della Città metropolitana.

COME FARE

I Comuni che intendono avvalersi delle prestazioni del Servizio Infrastrutture e Assistenza tecnica enti locali devono inoltrare una richiesta scritta al Sindaco della Città metropolitana.
Nel caso di richieste di studi di fattibilità e/o progetti preliminari e definitivi di opere pubbliche l’Assistenza tecnica viene autorizzata con apposito Decreto del Sindaco.
Qualora sia necessario acquisire ulteriori informazioni, i richiedenti verranno contattati dai tecnici del Servizio.

Ora lei sa meglio di noi che per poter accedere a forme di finanziamento riguardante l’edilizia scolastica avere un progetto preliminare è di fondamentale importanza e che troppe occasioni sono state perse.

La volontà politica però deve essere quella di mantenere una scuola dove oggi c’è il plesso chiuso, che da Piano Regolatore preliminare risulta essere Ex Gramsci a favore di edilizia privata.

Siamo sicuri che entro fine anno il progetto del Nuovo Piano Regolatore sarà approvato, ci rimettiamo alla sua volontà civica di ALPIGNANESE, nell’ascoltare gli abitanti della zona SASSETTO e tutti i cittadini che 5 anni fa le hanno dato fiducia e compiti di rappresentanza.
Di seguito alcuni esempi che trovate sul sito della Città Metropolitana


in allegato trovate i moduli per la richiesta di assistenza tecnica e progetto preliminare e modulo invio richiesta fasi successive al preliminare.

E’ importante capire le vostre intenzioni, vi ricordiamo che i tempi di presentazione della documentazione richiesta per alcuni Bandi ancora attivi, sono strettissimi.

E comunque, per i Bandi attivi e per quelli futuri di #italiasicura, per potervi accedere è NECESSARIO avere già pronto un PROGETTO.

Restiamo a disposizione per eventuali chiarimenti.

MoVimento 5 Stelle Alpignano














1 commento:

  1. alpignano sicura vince movimento 5 stelle a casa

    RispondiElimina