martedì 30 giugno 2015

Chiusura Gramsci - Coraggiosi o Parsimoniosi

Stamattina abbiamo incontrato l’amministrazione nella persona del Vice Sindaco Agrimano, Domenico Battaglia (Capo Gruppo SEL), Vincenzo Locuratolo (Progettazione e realizzazione lavori pubblici), Ing.Mauro Crosio della Società OROBLU (Responsabile prevenzione e protezione della sicurezza dei lavoratori), Dott.ssa Gambaiani (Direttore Ufficio Sociale,Lavoro).
Proprio il Vice sindaco ha affermato che a breve divulgheranno un comunicato dove ufficializzeranno che la chiusura della scuola Gramsci è DEFINITIVA e ribadisce che le motivazioni sono "Razionalizzazione dei plessi scolastici", al che abbiamo ribadito che invece il Sindaco continua a smentire queste motivazioni dicendo che invece la scuola NON E' SICURA! 
L'ufficio tecnico ha ribadito che la scuola è sicura, ma che ha bisogno di interventi per un costo di circa 500Mila euro (senza mostrare nessuno studio e preventivo) per poter riaprire i battenti a settembre, inoltre sconsigliano questa soluzione all'amministrazione perché sarebbe inutile eseguire lavori di manutenzione su una struttura così vecchia e che da piano regolatore dovrà essere demolita a breve per presenza di Amianto.
Abbiamo chiesto documenti e risposte e ci è stato detto che arriveranno nel prossimo consiglio comunale (16 Luglio 2015).
Abbiamo messo in evidenza che la "Razionalizzazione" è giustificata solo da un notevole risparmio sulle utenze e di conseguenza quei soldi sarebbero reinvestiti in benefit per i nostri bambini.
A conti fatti, basandoci sui dati del 2014, stimiamo in circa 70Mila euro l’ipotetico risparmio, ma ci sono un paio di cose da considerare: l’ipotesi che prevede di smistare i bambini nelle scuole Turati e Matteotti prevede l’organizzazione del servizio scuolabus per 220 bambini su un percorso di circa 4 Km all'andata + 4 Km al ritorno su pullman da 50/60 posti, quindi almeno 4 pullman: facciamo 2 chiamate per farci un’idea dei costi e per un appalto di 208 giorni, ipotizzando un costo 80 euro al giorno moltiplicato per 4 pullman ad un totale di 66.560 euro senza considerare la responsabilità civile di trasportare i bambini per quel tragitto. A Voi le conclusioni…
Non capiamo davvero quale strategia stiano portando avanti (sempre che di strategia si tratti): le posizioni sono infatti quasi contrapposte tra il sindaco “coraggioso”  e il suo vice “parsimonioso” appoggiato dall’ufficio tecnico.
Magari, per ingenuità, ne usciremo con le ossa rotte, ma noi crediamo ancora nel bene comune e che non ci sia bisogno di trucchetti quando si parla di pilastri della costituzione come il diritto allo studio e la salute dei cittadini.
Delle risposte comunque chiare e definitive le aspettiamo, l’ODG del prossimo consiglio comunale (previsto per il 16/07/2015) sarà già indicativo dell’approccio che vuol tenere l’amministrazione.
Noi non li molliamo, quando possibile vi aggiorneremo e gli staremo col #fiatosulcollo.

venerdì 26 giugno 2015

RICOSTRUZIONE DELLA PENSIONE A TITOLO GRATUITO

CAMPAGNA DI GIUSTIZIA SOCIALE   

RESTITUZIONE ARRETRATI PENSIONE?  
TI AIUTIAMO NOI!!!!
La Corte costituzionale con la sentenza 70/2015 ANNULLA IL DECRETO MONTI SUL BLOCCO DELLA RIVALUTAZIONE DELLE PENSIONI.
I NOSTRI GOVERNANTI PROPONGONO,  decreto Poletti:
Periodo 2012-2013:
-Pensioni tra 3 e 4 volte il minimo INPS: 
una tantum pari al 40% di quanto ti spetterebbe;
-Pensioni tra 4 e 5 volte il minimo INPS: 
una tantum pari al 20% di quanto ti spetterebbe;
-Pensioni tra 5 e 6 volte il minimo INPS:
una tantum pari al 10% di quanto ti spetterebbe.



Anni 2014 e 2015: una tantum al 20% di quanto ti spetterebbe.
Anno 2016: 50% una tantum al 50% di quanto ti spetterebbe.

CIO’ CHE LA LEGGE RENDE,
 IL GOVERNO NON DEVE SOTTRARRE!!

La Corte costituzionale con la sentenza 70/2015 riconosce per gli anni 2012-2013 la rivalutazione dell'assegno previdenziale anche a chi percepisce una pensione superiore a tre volte il minimo Inps (importo mensile superiore a 1405,05 € lordi).

Il Movimento 5 Stelle organizza presso il Bar Cavour (sito in Via Cavour, 7 Alpignano) la compilazione e l’invio della domanda on line per la ricostruzione della pensione presso l’INPS.
Un nostro attivista sarà a disposizione gratuitamente tutti i venerdì dalle 16:00 alle 19:00 per prestarsi a tutte le attività in merito.

Le pretese dello Stato non possono colpire solo i pensionati. Ciò nel rispetto degli articoli 3 (uguaglianza) e 53 (progressività della tassazione) della Costituzione.

DOCUMENTI DA PRESENTARE         

Il primo passo riguarda la richiesta del PIN DISPOSITVO INPS, col supporto di un nostro attivista vi seguiremo nella richiesta del pin dispositivo, servirà solo la carta d’identità valida.
I documenti necessari per la presentazione della domanda sono:

-documento di identità e codice fiscale
-documentazione reddituale (CUD, 730, UNICO)
-codice fiscale coniuge
-data matrimonio

“I pensionati italiani conoscono la straordinaria coerenza della nostra Consulta nella difesa dei grandi valori della Repubblica. La sentenza è una risposta netta a chi predica l'odio contro i cittadini che hanno lavorato per 35-40 anni versando contributi d'oro. Noi pensionati non ci sentiamo soli, abbiamo dalla nostra parte la Costituzione e il Giudice che la fa rispettare anche al Parlamento e al Governo”.     

Contattaci e segui le nostre attività:

Contattaci:     info@alpignano5stelle.it
Seguici:         www.alpignano5stelle.it   
facebook:      facebook.com/movimento5stelle     
                                                        

lunedì 22 giugno 2015

GRAMSCI - EDILIZIA SCOLASTICA - ZERO EURO!!!

Il problema “Scuole Sicure” è un argomento molto delicato e tocca molti comuni in Italia.
Le amministrazioni spesso si trovano a mettere pezze, vuoi per la mancanza di fondi, vuoi per la non lungimiranza che contraddistingue questa classe politica italiana o perché si preferisce una bella fontana alla sicurezza dei nostri ragazzi.
Ci lamentiamo che lo stato centrale non fa abbastanza per rispondere alle necessità della comunità: ma quando vengono messi a disposizione dei fondi statali per risolverli almeno in parte, perché non viene fatto quanto si deve per ottenerli?
E’ quanto è accaduto ad Alpignano dove l’amministrazione non è riuscita ad aggiudicarsi fondi per l’edilizia scolastica.
Per la sola provincia di Torino sono stati finanziati circa 15 milioni di euro per circa 60 interventi di varia natura di cui per il comune di alpignano ZERO EURO!!!!
A seguire riportiamo solo alcuni casi che denotano la diversificazione della natura del contributo che spazia dalla rimozione amianto, al rifaceimento delle coperture, dalla riqualificazione energetica (fotovoltaico)  al miglioramento rispetto ai fenomeni sismici.



Come di consueto le domande che ci poniamo e le risposte che cerchiamo le troviamo nei documenti pubblici perché la nostra amministrazione si dimostra troppo spesso sorda rispetto le domande della cittadinanza (ma questo punto lo vedremo a seguire).
Ora che nel nuovo piano regolatore viene fatto uno studio sulla potenzialità abitativa riguardante l’area ex scuola Gramsci (pag.85 PRG relazione illustrativa) e l’area ex scuola Riberi (pag.83 PRG relazione illustrativa)ci viene il dubbio (giudicate voi se lecito) che queste scelte siano indirizzate a una politica ben precisa che non guarda con favore all’edilizia scolastica.

Queste sono le domande rivolte quasi un anno fa al sindaco, che non ci ha degnato di risposta:


Come per tutte le iniziative che ci vedono impegnati non vogliamo CAVALCARE L'ONDA, ne vogliamo che le politiche scolastiche o abitative abbiano un colore politico, dovrebbero anzi essere una priorità di qualsiasi amministrazione comunale (e per noi lo sono), ma ci sentiamo pronti a mettere le nostre competenze a disposizione della giunta per la cittadinanza.








giovedì 11 giugno 2015

ALPIGNANO - BOLLETTA DELL'ACQUA - ANCORA UNA TARIFFA TRUFFA AI NOSTRI DANNI!


Le ultime bollette dell’acqua sono aumentate, una nuova voce è entrata in tariffa, 
il “ conguaglio ante 2012”, SMAT S.p.A. dice che è obbligata a farlo da una delibera dell’ATO3!

ANCORA UNA TARIFFA TRUFFA AI NOSTRI DANNI!

Nella bolletta di SMAT del primo semestre 2014 è comparsa la nuova voce: “Conguaglio ante 2012″. A quanto ammonta il cosiddetto conguaglio che si ripeterà nel primo semestre 2015 e 2016? Potrebbe essere un aumento che si aggira attorno al 12%, ma potrebbe arrivare fino al 30%!
Secondo SMAT questo conguaglio è dovuto perchè sono diminuiti i consumi d’acqua. Ciò, nonostante SMAT, per il periodo a cui si riferisce il conguaglio 2008-2011, abbia fatto utili per 69 milioni di euro, chiede a tutti noi di ripagarle i mancati introiti con un conguaglio retroattivo!

E' COME SE OGGI ANDIAMO A COMPRARCI UN AUTO E LA PAGHIAMO 10.000 EURO, POI DOPO 3 ANNI LA CONCESSIONARIA CI CHIAMA CHIEDENDO ALTRI 1.000 EURO, PERCHE' ULTIMAMENTE HANNO VENDUTO MENO AUTO RISPETTO A QUELLO CHE AVEVANO PREVENTIVATO! MA SIAMO MATTI!!!

I RESPONSABILI SONO I NOSTRI SINDACI e i loro delegati nella Conferenza ATO3!

Chi è l’ ATO3 ? 

Per cominciare il Presidente dell'ATO è Piero Fassino, come Sindaco di Torino è anche il maggior Azionista di SMAT S.p.A. con il 65% delle azioni, il secondo azionista è il CIDIU S.p.A. (pensate che intrecci) con l'11% delle azioni, le briciole sono distribuite per gli altri 287 Comuni soci.




L’Autorità d’Ambito 3 Torinese -ATO3 – (Noi facciamo parte insieme ai Comuni di Buttigliera Alta, Collegno, Grugliasco, Rosta e Villarbasse dell'Area Omogenea 13, rappresentati dal Sindaco di Villarbasse Sig. AGHEMO EUGENIO) è costituita dai 306 Comuni della Provincia di Torino, che delegano 20 loro Sindaci nella Conferenza degli Enti Locali con compiti di governo e controllo del Servizio Idrico Integrato, la cui gestione è stata affidata a SMAT S.p.A. nel maggio 2004 per la durata di anni 20.
Nei mesi scorsi SMAT S.p.A. ha chiesto all’ATO3 l’autorizzazione di adeguare la tariffa applicata per gli anni dal 2008 al 2011 in quanto essa non teneva conto della diminuzione dei consumi e dell’aumento degli investimenti sui quali la tariffa stessa veniva calcolata. Il conguaglio ottenuto da SMAT S.p.A. “pesasulla bolletta di circa il 20%, in totale altri € 46 milioni sottratti alle tasche degli utenti, addebitati in tre rate annuali a partire dalle bollette del 2014.
Una cifra analoga (€ 49 milioni) è uscita dalle casse di SMAT spa, negli stessi anni dal 2008 al 2011, sotto forma di dividendi che, come ogni Società per Azioni, distribuisce ai soci (IN POCHE PAROLE SI SONO SPARTITI I GUADAGNI DELLA NOSTRA ACQUA, INVECE DI LASCIARLI IN CASSA PER COPRIRE EVENTUALI PERDITE O INVESTIMENTI), nello specifico ai Comuni Soci.

QUESTO SI CHIAMA "MAGNA-MAGNA" CON I SOLDI DEI CITTADINI CHE PAGANO LA STESSA ACQUA DUE VOLTE!!!

Ecco perché l’attuale natura giuridica di Società per Azioni di diritto privato di SMAT S.p.A. deve essere trasformata in Azienda speciale consortile di diritto pubblico per poter dar voce e potere alla gestione partecipativa degli utenti e dei lavoratori, in applicazione dell’esito referendario in cui si è espressa la volontà di oltre 26 milioni di italiani.

PERCHE' IL NOSTRO SINDACO E L'AMMINISTRAZIONE COMUNALE PERMETTE QUESTO FURTO A DISCAPITO DEI CITTADINI ALPIGNANESI???

Cosa può fare l'attuale amministrazione Alpignanese?

Deve non riconoscere l'atto dell'approvazione del bilancio 2011 della SMAT!
Questo sarebbe un atto importante e coraggioso in difesa dei propri cittadini!

Dissentire da questa importante decisione dell'azienda per l'insufficiente rispetto della volontà popolare espressa dal referendum, non solo contribuisce a difendere il principio dell'acqua pubblica, ma contrasta la generale sfiducia nelle istituzioni, fornendo un esempio di effettiva rappresentanza democratica.

Cosa possiamo fare noi cittadini?

Pagare la giusta bolletta,
secondo quanto dice la legge. Dal 21 luglio 2011, solo due voci devono concorrere alla bolletta: i costi operativi e l’ammortamento degli investimenti. Invece, oltre a questo, continuiamo a pagare la remunerazione del capitale investito, contro cui ha votato la maggioranza degli italiani.

Aderendo alla campagna di "Obbedienza Civile", indetta dai comitati dell'acqua pubblica.
Si può aderire come singolo utente o come condominio.

BISOGNA FERMARE QUESTO SCANDALO!
L'ACQUA E' DI TUTTI!

RICHIEDETE LA DOCUMENTAZIONE CLICCANDO SU QUESTO LINK:

Acqua Pubblica Torino

MoVimento 5 Stelle Alpignano


mercoledì 3 giugno 2015

Report mensile delle attività del M5S Alpignano - Maggio 2015

                                             

Ecco le attività svolte dai ragazzi del gruppo del M5S Alpignano nel mese di Maggio


il 6 Maggio abbiamo partecipato alla serata "Acqua Pubblica" organizzata dal gruppo di Caselette e da Paola Ceretto del Comitato acqua pubblica di Torino, con Dimitri De Vita Cons. Città Metropolitana, la serata aveva come tema i "Conguagli SMAT" sulle bollette dell'acqua. Ecco la locandina.

l'8 Maggio abbiamo partecipato ad una serata organizzata dai "NO TAV La Gronda" per raccogliere fondi da destinare alla Cassa di Resistenza NO TAV. Ecco la locandina.

il 12 Maggio abbiamo organizzato la serata "QuartaRepubblica" dove si è presentata una nuova piattaforma per la gestione di tutti i gruppi del M5S, in questa piattaforma informatica ogni gruppo avrà a disposizione uno spazio di archiviazione documenti, un blog, un sistema dove gli attivisti del gruppo possono creare documenti condivisi.
Nella serata erano presenti i Cons.Reg. Francesca Frediani e Federico Valetti, i gruppi di Buttigliera Alta, Caselette, Druento, Givoletto, Grugliasco, Pianezza. Ecco qualche immagine serata "QuartaRepubblica".

il 15 Maggio abbiamo descritto in un post la vicenda dei Voucher Comunali, ecco il post IL VOUCHER COMUNALE.

il 26 Maggio abbiamo consegnato nella sede Regionale del M5S tutte le firme raccolte per l'iniziativa "Referendum consultivo per uscire dall'euro". Ecco qualche immagine dei Banchetti "Fuori dall'euro"

Il 27 Maggio abbiamo scritto una lettera aperta al Comune,
con Prot. N°13265 "Fondi a favore di investimenti a difesa del territorio", chiediamo di bloccare immediatamente i lavori e di destinare tutti i fondi della TAV a l'unica grande opera utile "il nostro territorio"!

MoVimento 5 Stelle Alpignano